:: Sbn presenta ::

Europei Portogallo 2004

 

Per voi in Portogallo

Francesco Marrapese ed Enrico Masturzo

ciao Nino,
magra consolazione quella della ripresa tv!!!
Eccoti un riepilogo della giornata:
Partenza in mattinata da Lisbona. In auto si discute della partita tra gli Scandinavi. Enrico e' dell'idea che il risultato verrà indirizzato verso un pacifico 2 a 2. Io non ci voglio credere e confido nella presunta sportività delle squadre nordiche: e poi il 2 a 2 non e' come uno 0 a 0 che si mantiene fino alla fine. Il 2 a 2 suona come un progetto elaborato da portare a termine. Sembra quasi che lo abbia convinto e mi compiaccio di aver ripescato un po' di speranza e buonumore.
 Sosta a Porto per il trucco e proseguimento per Guimaraes. Nell'avvicinarci alla nostra citta' preferita notiamo una presenza di italiani inferiore alle nostre aspettative...ma dove sono i tifosi Azzurri??? Ed un altro dato di fatto ci sorprende: i Bulgari, già eliminati, con ZERO punti in classifica e ZERO gol fatti sono in maggioranza e sembrano pervasi dall'entusiasmo di una squadra ancora in corsa. Come nostra abitudine ci dirigiamo verso il cuore della tifoseria avversaria e...ulteriore sorpresa: I Bulgari si rivelano socievolissimi, amichevoli e ci accolgono come se fossimo rappresentanti della loro squadra, esprimendo pronostici a noi favorevoli!!! Il centro della Piazza principale e' loro, e li' siamo piacevolmente bloccati in posa per le foto...in un bagno di folla dove i colori del nostro tricolore si confondono col loro. Dobbiamo andare, una cerveja ce la vuole offrire un anglo-italo-ispanico. Sapeste quanti italiani di ogni partite del mondo erano negli stadi a seguire gli Azzurri!!!...Via verso lo stadio, manca un'ora e mezza al fischio d'inizio e dobbiamo ancora fissare il nostro striscione. Una televisione Inglese ci ferma per un'intervista, mentre salutiamo Luca, un ragazzo Toscano accompagnato sulla sua sedia a rotelle da un amico/tifoso svedese. Mi lascio un po' andare di fronte alla telecamera britannica, e complimentandomi per i gol del loro 18enne Rooney, gli faccio sapere che da noi, prima di entrare nel giro della Nazionale, devono raggiungere, i 25 / 26anni, magari aver messo su famiglia, comprato casa, e potersi vantare di un paio di Sponsor importanti! (Gilardino dove sei??) Il cronista capisce il tono ironico/polemico, ringrazia e saluta.
Nello stadio una nuova sorpresa: Ora che la partita e' iniziata, i tifoso Bulgari fanno il loro dovere e si sentono con cori  e tamburi. Mi fa quasi piacere che a fine tempo possano esultare per il loro primo gol del torneo...ma in realtà e' una bella mazzata! Da Sorrento mi arriva la notizia del vantaggio Danese, e non ne avrò altre fino alla fine. Così inzuppati d'acqua assistiamo al secondo tempo. Il primo gol ci da' la speranza e la pioggia non la sentiamo più. Siamo nei primi minuti di recupero...Azeglio Vicini e' pietrificato pochi seggiolini dietro di noi, attorniato da una delegazione della FIGC. Attacchiamo confusamente. Vieri continua a colpire di  testa un paio di metri al di sopra della traversa e Del Piero non incide e sbaglia frequentemente. Zambrotta ci mettete l'anima, Perrotta una gamba, Nesta classe e cuore, ed il folletto di Bari riesce a metterci il piatto. Gol. Non posso crederci, che la sorte abbia deciso di restituirci i golden gol subiti in passato??? Può succedere anche a noi di segnare oltre l'ultimo minuto? Sono ancora convinto che la Danimarca vinca uno a zero. Mi giro intorno e cerco conferma, mi rigiro verso il campo e vedere Cassano calciare con rabbia una bottiglietta d'acqua a bordo campo: basta a farmi capire. Io ed Enrico, come tutti i tifosi azzurri, rimaniamo di sale. Siamo fuori dall'Europeo...si torna a casa.
Un ultimo sfogo ce lo offre un cronista Polacco al quale lasciamo le nostre riflessioni intrise di rabbia e collaudata delusione. Ci rimane qualche speranza vedendo quel folletto danzare tra gli avversari e sapendo che alcuni punti fermi della squadra dovranno finalmente abbandonare. Mi tornano in mente le mie stesse parole della mattinata: "Gli scandinavi hanno un alto senso sportivo"...che abbiano imparato a disfarsene proprio da noi? Forse questo tipo di disfatta un po' ce la meritiamo, perché, diciamoci la verità: rientra nel nostro modo di ragionare. Una Dantesca legge del contrappasso ha voluto punirci così ...speriamo almeno di aver saldato il nostro debito e già il pensiero vola ai Mondiali in Germania. Forza Azzurri!!!
Ciao e a  presto da Enrico e Francesco


 

Guimaraes-Tutti a casa. Gli azzurri ed il Trap ancora una volta ci hanno deluso, è Francesco ed Enrico si consolano giustamente con la bellissima Miss Bulgaria. In attesa del loro rientro in Italia, volevamo segnalarvi che  durante la partita la regia si è soffermata per qualche istante proprio su di loro, che dire, Gli azzurri tornano a casa con la coda tra le gambe mentre i nostri inviati ed amici Francesco Marrapese ed Enrico Masturzo, posso vantare innumerevoli apparizioni su testate e reti nazionali ed internazionali Complimenti!!! da tutti noi che abbiamo condiviso le vostre emozioni, gioie e dolori per l'avvenuta eliminazione dagli europei.

Aspettiamo il vostro rientro in italia per una intervista e per mostrare in esclusiva per sorrentobynight le più belle foto degli Europei 2004 in Portogallo.
 

 

L'avventura ha inizio

 

Ciao Nin8,
il morale e' un po' giu', specialmente per noi che siamo qui, calati completamente nell'atmosfera "Europeo" e non ce ne possiamo allontanare di troppo. Comunque confidiamo con un finale con sorpresa a nostro vantaggio, cosi' come ci ha confidato ieri sera un vecchio ubriacone del posto!!!
Allora Forza Azzurri!!!
Per quanto riguarda il forum...in realta' non riesco a pensare a niente di coinvolgente...una domanda da fare al Trap di persona?...la formazione??...um messaggio da portare ai ragazzi???...una proposta per il prossimo trucco o per un messaggio da far vedere a Sorrento???...questo pareggio mi ha smontato un po', la mia creativita' ne risente.  Ieri Infatti ho fatto poche foto, non avevamo lo spirito giusto dopo la partita per esibirci nel nostro trucco nonostante nel prepartita abbiamo posato per tifosi di ogni genere e reporter accreditati tra cui alcuni dell'agenzia Reuters!
Se hai proposte fammi sapere.
Ah, dimenticavo...c'é  una nostra foto sul sito di euro2004. L'indirizzo e': http://it.euro2004.com/fanzone/index.html, e poi andare in "FANFOTO", se si decide di inviarla ad un'altra e-mail, se ho capito bene la Canon devolve un euro in beneficenza per ogni volta che la foto e' inviata,...e la nostra foto sale nella classifica delle piu' votate.
Ti saluto per ora. Oggi trasferimento a Lisbona!!! ...cosi' saremo piu' vicini a casa Azzurri!!!
 
    
Giorno 5: Oggi siamo partiti con le migliori intenzioni di riposarci e staccare un po' dalla tensione di Casa Italia. Una breve puntata in auto nei pressi dello stadio Bessa del Boavista dove s'iniziano a riunire i tifosi Greci e Spagnoli. Catturo alcune immagini dei coloratissimi tifosi, e le tengo da parte per il ritorno a Sorrento. Quindi decidiamo di partire per una giornata di mare a Nord di Oporto,e scegliamo Povoa do Varzim, ad una ventina di km dallla citta'. Lunghe spiagge ordinate e pulite, ma stranamente semideserte. Di queste ore in riva all'Atlantico, per rispetto dei lettori, non invieremo alcuna foto. L'acqua e' gelata,  il sole compensa, e la pace regna...il tutto dura fino allo squillo del cellulare di Enrico, un messaggio: lo sputo di Totti arriva fino a noi e ci coglie di sorpresa!!! Condanniamo senza prova d'appello il gesto del nostro rappresentante piu' talentuoso, ma poi cerchiamo d'abbozzare un piano di difesa da suggerire agli avvocati del Pupone: e se il 10 azzurro avesse pensato di rinfrescare l'accaldato marcatore Danese con una doccia improvvisata? Bah!?!!
Speriamo che l'episodio si evolva per il meglio e ci permetta di continuare ad essere orgogliosi rappresentanti Italiani in terra Lusitana.
    
Quarto giorno:I preparativi per la partita iniziano presto e sono alquanto elaborati...lasciamo casa verso mezzogiorno, ed appena fuori dal nostro appartamento della periferia di Oporto, ci rendiamo conto di essere gli unici vestiti come se andassimo al Carnevale di Rio de Janeiro. Ci infiliamo in auto e dopo una mezz'ora di viaggio tra clacson e strombazzamenti vari arriviamo alle code d'auto fuori Guimaraes. Intuiamo subito che saremo sobissati dalla tifoseria Danese...ma puntiamo sul nostro colore e perfezioniamo il make up in attesa di arrivare al casello. In citta' si respira aria di festa. La predominanza e' certamente biancorossa, ma alla nostra vista i tifosi azzurri si entusiasmano apostrofandoci come "I tifosi piu' originali",  ed Enrico, al mio fianco, inizia a mostrare i sintomi di quella che scopriro' essere la sindrome del Papa...mi spiego meglio: inizia ad alzare la mano in cenno di saluto a qualche tifoso che ci nota, e dopo un po' rimane con la stessa mano alzata e leggermente dondolante come se fosse su di una PapaCar tra migliaia di fedeli!!!
Lo guardo stranito, ma poi faccio finta di nulla. Del resto siamo realmente accolti con molto calore e non siamo ancora scesi dall'auto. Iniziamo a girare a piedi il fiabesco centro di Guimaraes, ed ci troviamo a posare per una specie di servizio fotografico che durera' fino alla fine del match ed oltre: grossi supporter danesi dall'alito alcoolico, tifosi azzurri da tutta Italia, timidi giapponesi ultra-tecnologici, famiglie portoghesi con bambini tra l'attonito ed il sognante,...tutti apprezzano la nostra policromia, ed io in particolare la prendo come ricompensa del tempo trascorso tra ago e cotone!!!  Nello stadio 2 ore prima del fischio d'inizio troviamo spazio per il nostro bandierone, e ci cuociamo a fuoco lento nel sole Portoghese. Da bordo campo i teleobiettivi iniziano a puntare la scritta "Sorrento in Europa" e i fotografi ci chiedono di posare per loro (su Yahoo troveremo poi una nostra foto).
A fine match l'incontro con Ilary Blasi, molto disponibile e gentile. Le auguriamo di essere spettatrice di una doppietta del suo Francesco per la partita con la Svezia, lei sorride si unisce al nostro pronostico e da' un'altro morso alla pesca che ha in mano nella foto. Trascino via un sognante Enrico, e dopo gli ultimi scatti in posa con altri tifosi e non (un totale di 2 o 300!!!) , devo convincerlo che no, non puo' candidarsi come Sindaco di Guimaraes avendo la residenza ad Arola, e con rammarico rinuncio alla carica di assessore che mi propone con insistenza!!!...forse la notte portera' consiglio..e riportera' noi e gli Azzurri coi piedi per terra...
    
Terzo giorno:Il benvenuto ad Oporto e' buono nonostante la sconfitta dei padroni di casa. La partita la vediamo in un paesino in collina (Idalgo) a 2 ore dalla nostra meta
finale. Il caldo e' torrido. Prendiamo 2 birre (Incredibile: 60 centesimi
l'una!) e ci sediamo tra i volti diffidenti di un gruppo di cinquantenni che
avrei potuto immaginare in un bar di piazza delle nostre parti di cinquant'anni
fa. Il Portogallo gioca male ed incassa. Ci guardano male. Esco a fare una
telefonata. Rientro nel bar e Collina (Italianissimo!!!) concede un rigore ai
Greci...e se pensassero che porto anche male???  Sara' meglio prendere un'altra
birra e contribuire all'incasso totale del bar. A fine partita con meno di 5
euro abbiamo anche mangiato qualcosa!
Ad Oporto il ragazzo (Johnny) che ci fitta un suo appartamento si mostra molto
gentile ed ospitale, visitiamo la zona dello stadio, ed in segno di benvenuto
insiste nel portarci fuori a mangiare. E' cosi che conosciamo un tipico piatto
locale . la "Francesinha". Farei prima ad elencare cosa non c'e' dentro...ma
comunque: pane, patate, beef,salsiccia,prosciutto, uova, e per rendere il tutto
piu' digeribile una "delicata" salsa piccante a base di uova!!!
 
Secondo giorno: Da Loano a San sebastian 1050 km percorsi con sosta a Monpellier. Anche i cugini Francesi ci salutano coi pollici verso l'alto, colpi di clacson e segni di approvazione! in autostrada un'auto italiana ci accosta e mostra con entusiasmo i biglietti della partita. Ci vedremo a Guimaraes! oggi  Spagna ed Oporto.
 
sorrento- 10 giugno partenza da sorrento, in auto, con destinazione Campionati Europei in Portogallo. La La macchina è allestita quasi come un carro di Carnevale con in vista: bandiere cappelli tricolore abbondantii con campanelli ,t-shirt  cucite per l'occasione con 800 minibandiere in fine, sul lunotto posteriore la scritta "Sorrento-Lisbona" accostata dalle bandiere italiana e portoghese in modo da rendere palesi le nostre intenzioni. Gli ultimi saluti a sorrento e via in autostrada con quasi 3000 km da percorrere. Il viaggio scorre piacevole e dallo specchio retrovisore intravedo i primi sorrisi tra quelli che intuiscono la nostra destinazione. Tra le auto che ci sorpassano non sono pochi quelli che ci salutano. Da Napoli a Roma seguendo la A1 a Firenze e poi su verso la Liguria tante auto e tir ci suonano il clacson ritmatamente e tra questi alcuni alzano il pugno in segno di incitamento. Noi ricambiamo ed ai più calorosirispondiamo con le trombe da stadio che abbiamo portato. Una tappaa lucca per un caffè....

 

Gallery

 

Foto, foto ancora foto!!! Questa è una delle ultime che abbiamo concesso a Miss Bulgaria... meno male che è finita?!?
Ecco il make-up per oggi... All'assalto della Svezia.
Totti non convince in campo e a noi resta il compito di regalare un sorriso ad ilary Blasy... Che spettacolo.
Missione compiuta: il nostro striscione è in bella vista... ed è il più grande dello stadio!!!
Ore 17... : Ci siamo!!! Questo è lo striscione (5 metri x 3) che proveremo ad esporre nelle partite
Prove tecniche di scenografie l'atmosfera inizia a scaldarsi. Entriamo in clima partita... e stasera ricognizione a Guimaraes.
Oggi 14 giugno alle 13.30 su rai uno!!! Una troupe della rai di Donatella Scarnati ci intervisterà.
Contrattempo: incidente in prossimità di genova e sosta forzata in galleria!!!
Prima tappa in A!

 

Info inviati

3383387393

info@sorrentobynight.it