:: Sbn presenta ::

Barzellette

  :: A cura di Micro_cip::

 

 

 
Un tizio incontra un amico che non vedeva da molto tempo. Lo vede
scendere da  una macchina sportiva, vestito con grande eleganza. «Ehi»,
gli dice: «Hai fatto  fortuna?». «Sì», risponde l'amico: «Ho telefonato alla Rai e ho detto che sapevo  tutto su Garibaldi. Mi hanno invitato a una trasmissione di quiz, mi hanno fatto  tante domande e ho vinto due miliardi».
Passa qualche mese e anche il tizio  comincia a girare con macchine costose. Un giorno incontra l'amico e gli dice:  «Sai, devo proprio ringraziarti. Ho seguito il tuo metodo e ho fatto fortuna  anch'io». «Hai telefonato alla Rai?». «No. Ho telefonato a Mediaset. Ho detto  che sapevo tutto su Berlusconi e mi hanno dato subito i due miliardi senza  nemmeno farmi una domanda!».
 
 
C'è una lunghissima coda in autostrada. Un  automobilista comincia a innervosirsi e spazientito abbassa il finestrino e urla  a una persona che si avvicina a piedi: «Cosa succede?».
«Un gruppo di  terroristi ha preso Berlusconi in ostaggio e chiede 10 milioni di dollari di  riscatto; altrimenti hanno detto che lo cospargono di benzina e gli danno fuoco!  Stiamo facendo una colletta per raccogliere il necessario...».
«Quanto avete  raccolto fino a ora?».
«Cinquanta litri di super e un  accendino».
 
 
Berlusconi porta in campagna due  illustri ospiti: il primo ministro indiano e quello turco. Dopo un po' si  accorgono di essersi persi. Silvio prende in mano la situazione.
«Ho  intravisto una fattoria dove troveremo un rifugio sicuro», dice.
Arrivano e  bussano alla porta.
«Chi è?».
«Sono Berlusconi e ci siamo persi! Ci  ospiterebbe per una notte?».
«Volentieri, ma ho solo due posti: uno dovrebbe  andare a dormire nella stalla».
«Nessun problema, andrò io, si offre il  ministro indiano».
Dopo poco si sente bussare.
«Chi è?».
«Sono il  ministro indiano, nella stalla c'è una mucca e io non sono degno di dormire  nello stesso luogo dove dorme un animale considerato sacro dalla mia  religione».
«Nessun problema, andrò io», dice il ministro turco.
Dopo poco  si sente bussare un'altra volta
«Chi è?».
«Sono il ministro turco, nella  stalla c'è un maiale e la nostra religione vieta di stare nella stesso luogo di  un animale impuro».
«E va bene, andrò io», si fa avanti Berlusconi.
Passa  qualche minuto e i battiti alla porta si fanno pressanti.
«Chi è?».
«Siamo  la mucca e il maiale, nella stalla...».
 
 
Come si chiamerebbe Berlusconi se lo facessero papa?
Pio Tutto.
 
 
Un ragazzo alle prime esperienze di politica domanda  al padre: «Ma sull'opuscolo che Berlusconi ha mandato a casa dei cittadini non  c'era scritto: "Se vinco le elezioni gli italiani molte tasse non le pagheranno più"?». Il padre gli risponde sconsolato: «È vero, ma subito dopo le elezioni ha  precisato che si trattava di un errore di stampa, infatti il testo originale  era: "Se vinco le elezioni molti italiani le tasse non le pagheranno  più"».
 
 
In un'afosa serata estiva del 2048  Emilio Fede muore e si trova alle
porte del Paradiso al cospetto di san Pietro.  La parete di fondo è
immensa
ed è tutta coperta di orologi che segnano ore  diverse. Incuriosito, Fede
chiede a san Pietro a cosa servano tutti quegli  orologi.
«Questi non sono comuni orologi, sono misuratori di bugie», gli  risponde
san Pietro: «Quando una persona nasce le viene assegnato un orologio  con
le lancette sulle dodici e ogni volta che dice una bugia le lancette
avanzano di un'ora».
«E di chi è quell'orologio?», chiede Fede.
«È di  Madre Teresa di Calcutta», risponde san Pietro, «segna mezzogiorno:
significa  che madre Teresa ha sempre detto la verità».
«E dov'è l'orologio di Silvio  Berlusconi?», domanda Emilio.
«L'ho messo nel mio ufficio. Sai, lo uso come  ventilatore».

 

Un tale si reca ad un safari e si porta dietro il cane, un pregiato e furbo
cane da caccia.
Il cane però dopo un po' si perde e inizia a vagare preoccupato per la
foresta.
Ad un tratto vede che una pantera si sta avvicinando minacciosa. "Azzo,
adesso sono nei guai.. devo pensare qualcosa" Nota li' vicino alcune ossa
di un animale morto, si mette a mordicchiarle e quando la pantera è vicina
dice ad alta voce:
"Ah, che buona pantera che mi sono divorato!"
La pantera frena bruscamente e si dà a gambe levate, pensando:
"Che cane indemoniato! Per poco non divora anche me!" Una scimmia, che
aveva
osservato per caso il fatto da un albero, scende, rincorre la pantera e una
volta raggiunta le racconta l'accaduto.
Allora la pantera incazzatissima dice:
"Cane figlio di puttana! Adesso me la paghi!
Ora vedrai chi spaventa chi!"
Poi si rivolge alla scimmia e le dice:
"Seguimi, che adesso andiamo a fargli vedere chi comanda qui" e
partono in
quarta in direzione del cane.
Questo si accorge che la pantera si riavvicina accompagnata dalla scimmia e
pensa:
"Maledetta scimmia! E adesso che faccio? Accidenti, devo pensare
rapidamente qualcosa" Invece di scappare, il cane si siede dando le spalle

alla pantera come se non l'avesse vista e quando questa è sufficientemente
vicina e pronta ad attaccarlo, dice ad alta voce:
"Brutta scimmia di merda! E' più di mezz'ora che l'ho mandata a cercarmi
un'altra pantera e ancora non arriva!!"

Tre  vecchietti, tutti abbondantemente sopra la soglia dei settant'anni,
stanno  ad un tavolo d'osteria davanti a un mezzo litro di vino rosso e
discutono  dei guai provocati dall'avanzare dell'età:

-io- esordisce il primo  -tutte le mattine mi alzo all'alba, prendo il mio
cane e vado a caccia. Ma  mentre una volta tornavo sempre col carniere
pieno, ora non ci vedo più bene  e non piglio mica una lepre zoppa?A me è
la vista che mi rovina, è la  vista...

-io- si lamenta il secondo -avevo uno stomaco di ferro,  riuscivo a
mangiare di tutto e mi facevo certe scorpacciate di polenta  con le costine
di maiale...Ora la sera sono costretto a cenare con una  minestrina! A me è
lo stomaco che mi rovina, è lo stomaco...

 -io- conclude il terzo -starei abbastanza bene, pensate che  questa
mattina ho visto la figlia della mia vicina che lavava i panni al
ruscello, senza pensarci due volte... mi sono avvicinato da dietro e me la
son fatta, ma lei si è voltata e mi ha detto: "Ah peppì, è la terza volta
che lo facciamo da stamattina!!!" A me è la memoria che mi rovina, è la
memoria...

Un poliziotto ad un maniaco sessuale:"Lei ha violentato questa ragazzina, poi sua madre e in seguito suo padre ha niente da dire?".
Il maniaco:"Volevo farmi una famiglia!".
 
Pierino alla mamma:"Tu sei bianca papa` e' nero e io invece sono giallo".
E la mamma risponde:"Con l'orgia che c'era quella sera ringrazia che non abbai!".
 
Bisogna tenersi in forma.
Mia nonna e' da quando ha ottanta anni che fa ogni giorno cinque chilometri.
Adesso ne ha novantasette e non sappiamo dove cazzo sia finita.
 
Sai qual'e' la differenza tra te e una nuvola?
Nessuna in tutti e due i casi se vi levate dai coglioni spunta una bella giornata.

Ligabue canta:"Tutti vogliono viaggiare in prima".
Io l'ho fatto e ho bruciato motore e frizione.......
 
Un camionista dice all'altro:"Appena arrivo a casa strappo le mutande di mia moglie".
L'altro risponde:"Perche' sei cosi' affamato?".
Il primo allora risponde:"No piu' che altro mi stanno strette.
 
50 omossesuali partono per il gay pride in bus.
All'andata 50 posti a sedere al ritorno 50 sederi a posto.

 

 

info@sorrentobynight.it